Cosa sono le opzioni binarie?

Nell’ultimo periodo si sente spesso parlare delle opzioni binarie. Tuttavia, esattamente, di cosa si tratta? Le opzioni binarie si differenziano dai broker tradizionali per via del fatto che è possibile scegliere soltanto due opzioni durante le operazioni di trading, ovvero giocare al ribasso o al rialzo. All’inizio si imposta comunque un certo limite di tempo, che spazia da 1 minuto fino a mese, prevedendo che allo scadere di quel limite di tempo il grafico supererà una certa linea orizzontale andando all’ingiù o all’insù. Nel caso di vittoria, e qualora si tratti di un trader alle prime armi o senza offerte particolari sulla piattaforma, la vincita sarà pari a circa il 75% dell’importo scommesso. Più avanti questa cifra potrebbe salire fino a raggiungere gli 85% o persino i 90%. Il resto è il guadagno della piattaforma, ovvero del broker stesso. Nel caso di perdita, invece, il trader perde il 100% dell’importo scommesso. Per questo si consiglia d’iniziare dagli importi di piccola entità, in modo da minimizzare le perdite.

Quali broker scegliere?

Per diventare trader serve senza ombra di dubbio farsi aiutare da dei broker seri e professionisti, in modo da godere sempre di un costante supporto. Per entrare sul mercato e iniziare a investire potrebbero essere richiesti fondi differenti. Utilizzando broker come 24 Option, per esempio, si dovrà fare un deposito di circa 250 euro prima d’investire. E ogni puntata minima è pari a 24 euro, in modo da non far risentire il budget iniziale del trader delle perdite, ma in contempo dargli modo di percepire l’entità della vittoria qualora questi vincesse. Difatti, puntando 24 euro se ne vinceranno circa 20. Il che, all’inizio, è un guadagno di entità considerabile, considerando che non si è fatto praticamente nulla. I guadagni ovviamente variano a seconda del broker e dell’esperienza del trader. Inoltre, molte piattaforme mettono a disposizione dei broker diversi materiali informativi, come e-book, videoconferenze, lezioni private e molto altro ancora.

L’importanza dello studio

Diventare trader non è così semplice come potrebbe sembrare a prima vista, specialmente considerando la lunga strada che ogni aspirante lupo dei mercati speculativi deve attraversare. Per farsi aiutare egli può seguire siti specializzati, come http://www.diventaretrader.com/opzioni-binarie. Qui sono raccolti molti materiali informativi utili ai trader, nonché esperienze dirette, strategie d’investimento e altro ancora. Come ogni professionista, anche il trader deve sempre seguire le principali notizie dei mercati, stare al passo con un mondo in evoluzione e fare le dovute conoscenze. Come mostrano le statistiche, il trader può definirsi di successo quando riesce a mettere insieme più dati, collegandoli per prevedere l’andamento di una materia prima o di una valuta. Tuttavia, bisogna possedere tali conoscenze ancor prima di operare con loro. Per questo è necessario studiare, sempre, informarsi, leggere e capire.